Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie installati da terze parti autorizzate rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Cliccando sul tasto "Leggi" avrai la possibilità di visionare ed essere informato nel dettaglio dei dati raccolti da questo sito e dell'utilizzo che ne può fare. Troverai inoltre la cookies policy.

 ARCHEOARTE | SOCIETA' COOPERATIVA

All'interno del programma Scuola Viva III annualità preparazione del laboratorio di archeologia sperimentale "Dalla carta al Libro". Un corso che consentirà di comprendere la nascita e l'evoluzione della tecnica scrittoria dal papiro all'età moderna. Le varie sezioni del programma riguardano il lavoro di preparazione della carta da papiro e la seconda fase di preparazione della pergamena con la lavorazione della pelle di pecora. 

Lo scopo del progetto è quello di comprendere la nascita e l'evoluzione della tecnica scrittoria dal papiro all'età moderna, apprendere le antiche tecniche di realizzazione della carta e l'importanza della scrittura nei tempi antichi. Il ruolo della didattica sperimentale nonchè dell'archeologia sperimentale diviene sempre più importante, e consente un avvicinamento senza pregiudizi dei giovani alla storia, archeologia ed arte in genere, consentendo anche di conoscere meglio il nostro territorio.

In collaborazione con il Cai Montano Antilia la Coop archeoarte partecipa ai Sabati Culturali nel Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano ed Alburni, in linea con il suo obiettivo di promuovere, valorizzare e favorire fruizione e conoscenza dell'immenso patrimonio storico artistico archeologico e naturalistico dell'area parco. 

Primo appuntamento dei Sabati Culturali Del Parco con il Club AlpinoItaliano.
La visita interesserà la Civitella, la collina con altitudine 815m che sovrasta il comune di Moio della Civitella. La sommità è interessata da un insediamento fortificato connesso alla colonia focea di Velia, che la frequentavano già dal VI-V sec. a.C. e la fortificarono nel IV. Il sito doveva essere abitato da una popolazione mista italica e greca che si occupava del controllo e protezione del territorio da un punto così strategico e di connessione con le aree interne di popolamento lucano. Il percorso si snoderà lungo le mura articolate in un recinto esterno e due interni che fungevano anche da terrazzamento per il controllo del versante. Si potranno ammirare le porte di accesso con particolari sistemi difensivi come la Porta Sud o dei Castagni.Si visiterà poi il terrazzo dell’Acropoli, dove è stato messo in luce l’abitato e alcuni tratti viari e la chiesa dell’Annunziata da cui si gode di un punto di avvistamento strategico sul territorio che conduce a Velia verso Sud e alle aree interne del Cilento e del Vallo di Diano tramite il passo di Cannalonga che permette di superare il Massiccio del Gelbison.Degustazione prodotti tipici locali presso la locanda “Le Cocole”. Dopo pranzo si procederà alla visita del borgo e delle sue ricchezze culturali ed enogastronomiche accompagnati dalle note del Maestro Angelo Loia, custode della musica cilentana. Evento organizzato in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Moio della Civitella, del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

La visita guidata sarà curata dalla cooperativa ArcheoArte.

© ArcheoArte 2016 | Partita Iva: 05473400652 | archeoartesoccop@arubapec.it